Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

L'iniziativa

La Filcams in campo per il turismo

Foto: Simona Caleo
E.D.N.
  • a
  • a
  • a

"Mettiamo il turismo sottosopra", è il titolo della campagna estiva per tutelare gli addetti del settore. Bisogna rovesciare la situazione e rimettere al centro il lavoro, per ottenere un nuovo modello all'insegna dell'occupazione dignitosa


"Mettiamo il turismo sottosopra". Questo il titolo della campagna della Filcams Cgil che è stata lanciata in vista dell'apertura della stagione turistica. Come tutti sanno, il settore è stato uno dei più colpiti dagli effetti del Covid: proprio per questo il sindacato di categoria chiede di ripartire con più diritti e tutele, insomma più rispetto per le lavoratrici e i lavoratori. Gli addetti impegnati quest'anno saranno molti, data la ripartenza del comparto che emerge evidente dai dati: non si possono lasciare soli ma anzi vanno difesi, a maggior ragione oggi, perché il dopo pandemia è anche un'occasione per cambiare radicalmente il comparto e renderlo più equo.

A spiegare l'iniziativa in un video è stato il segretario nazionale della Filcams, Fabrizio Russo. “I lavoratori della filiera del turismo, della ristorazione e della cultura sono stati tra i più colpiti dalla situazione di crisi”, ricorda. Tra il 2020 e il 2021, rispetto al 2019, nel turismo - come saldo tra cessazioni e nuove attivazioni – si sono persi centinaia di migliaia di posti di lavoro, soprattutto tra lavoratrici e lavoratori già in condizioni di precarietà nel pre-pandemia.  


Nel settore il 70% di lavoro è irregolare, il 40% precario e il 60% a tempo parziale, con retribuzioni notevolmente più basse rispetto a qualsiasi altro settore economico e produttivo del nostro paese e l’80% dei lavoratori sotto inquadrato o inquadrato ai livelli inferiori della contrattazione nazionale. Con la fine, al 31 dicembre 2021, del blocco dei licenziamenti e della cassa integrazione con causale Covid la situazione è ulteriormente peggiorata. Molte le aziende, che pur avendo potuto contare su sostegni e ristori a compensare il fatturato non realizzato nel 2020-2021, hanno avviato una campagna di licenziamenti indiscriminati di massa.

La situazione, al di là della temporanea ripresa estiva, resta preoccupante in alcune delle città d’arte, per il turismo d’affari e per le agenzie di viaggi e i tour operator. Nel 2021 è cambiato il vento in termini di quantità, ma non di qualità e di stabilità. È necessario quindi avviare un profondo cambiamento, questo è il senso della campagna di comunicazione della Filcams per la stagione estiva 2022.

“Mettiamo il turismo sottosopra” è dunque lo slogan della comunicazione estiva. “Significa porre al centro il lavoro per migliorare la situazione di milioni di addetti del settore - afferma ancora Russo -, garantendo loro diritti e tutele, per approdare a una nuova normalità, a un lavoro nuovo e a un nuovo modello di filiera più sostenibile e responsabile con l’obiettivo di determinare, anche attraverso il rinnovo dei contratti nazionali, le condizioni per un'occupazione stabile, regolare e dignitosa”.

Stare dalla parte giusta del turismo per difendere il lavoro e migliorarne le condizioni anche contrastando le tesi false di chi sostiene che i lavoratori del turismo siano pigri, indolenti o indisponibili. Informarsi è indispensabile per tutelare i propri diritti e per farsi rispettare.

Leggi anche

L'analisi

Il turismo dopo il Covid

Cecilia Censi e Stefano Landi

Tra comportamenti diversi e nuovi modi di viaggiare: ecco come sarà la stagione dopo due anni di pandemia. Un'occasione epocale per costruire un settore globale più sostenibile, resiliente e responsabile