Patrizia Pallara

Alla Miteni, un’azienda chimica del vicentino lontana dai riflettori e ormai chiusa, per decenni si è consumato un caso di contaminazione industriale tra i più pericolosi d’Europa. Oggi, finalmente, l’Inail riconosce la malattia professionale per gli ex lavoratori – che hanno altissime concentrazioni di sostanze velenose nel sangue – anche se non hanno sviluppato una patologia. Una vittoria esemplare ottenuta grazie alla perseveranza del patronato Inca e delle strutture Cgil. Ve la raccontiamo attraverso le testimonianze di medici del lavoro, familiari delle vittime, attivisti e protagonisti del mondo sindacale.

(coordinamento editoriale Maurizio Minnucci; copertina e illustrazioni Massimiliano Acerra, timeline Martina Toti)

Di storie come quella della Miteni l’Italia è piena. Fabbriche che producono, si arricchiscono, inquinano, avvelenano gli operai e i cittadini, e poi chiudono i battenti, o meglio falliscono. Lasciando così nei terreni sostanze tossiche, nelle comunità una scia di malattie e di morti e negli animi il ricordo di un posto di lavoro che ha dato da mangiare, ma per il quale è stato pagato un prezzo troppo alto. Con la vicenda della Miteni, però, si sta riscrivendo la storia delle battaglie a tutela della salute dei lavoratori, e creando un precedente importante per tutte le battaglie future. Perché da qui, dalla provincia di Vicenza dove ha sede l’azienda chimica chiusa per fallimento nel 2018, è partita l’azione del sindacato che ha portato a una straordinaria conquista: il patronato Inca della Cgil ha affermato il diritto dei lavoratori a vedere riconosciuta la malattia professionale per essere stati esposti per anni a composti nocivi, il diritto di chi questi composti li ha nel corpo a essere preso in carico dalle istituzioni, anche se non ha ancora sviluppato una patologia, il diritto delle persone a un ambiente di lavoro e di vita sano.

Il centro storico di Valdagno Trissino

“Quella che abbiamo ottenuto è una vittoria importantissima – ci racconta Anna Bilato, coordinatrice regionale dell’Inca Cgil Veneto –. Siamo partiti con la denuncia di malattia professionale per i lavoratori della Miteni, che erano stati esposti per anni ai Pfas e Pfoa e avevano una concentrazione elevatissima nel sangue di queste sostanze nocive. Grazie all’impegno e alla costanza dell’Inca di Vicenza e di Valdagno, della Camera del lavoro di Vicenza e dei medici legali, in coordinamento con le strutture regionali, siamo riusciti a portare a casa un risultato insperato fino due anni fa: il riconoscimento da parte dell’Inail della malattia professionale, anche senza la presenza di un danno funzionale. È la prima volta che accade, ed è una conquista enorme perché crea un precedente: questi lavoratori potranno nel tempo essere monitorati, presi in carico dall’Inail e se dovessero sviluppare patologie per essere stati a contatto con questi veleni, potranno avere un riconoscimento in termini di risarcimento”.

All'ingresso della fabbrica

 

Pfas, molecole di sintesi

Incontriamo Anna Bilato a Trissino, grazioso ed elegante paese del vicentino a due passi dallo stabilimento chimico oggi in fase si smantellamento, uno dei centri di quella che la Regione Veneto ha classificato come la “zona rossa”, cioè l’area considerata più inquinata. Perché la storia della Miteni non riguarda solo i dipendenti avvelenati per decenni, ma un’intera comunità, una popolazione di circa 350 mila persone.

Tutto ha inizio nel 1965: i Marzotto fondano la Rimar

L'obiettivo è farne un centro di ricerca sulle sostanze per impermeabilizzare i tessuti. Poco dopo iniziano a produrre i perfluorurati, brevettati anni prima negli Stati Uniti dalla 3M, i Pfas, una sigla che indica almeno quattromila composti diversi. “Sono molecole di sintesi che non esistono in natura ma che trovano un’applicazione vastissima” ci spiega Enzo Merler, medico del lavoro, e autore di due studi scientifici sul tema. Nelle pentole antiaderenti come negli imballaggi alimentari, nella sciolina per gli sci come nel Goretex, nella cera, nei detersivi, nelle vernici, praticamente dappertutto. Lo stabilimento ha sede alle pendici della valle dell’Agno, appena a ridosso dei monti Lessini, in un territorio che alterna capannoni industriali degni della fama dell’operoso Veneto a zone agricole coltivate a viti e ortaggi. Nel sottosuolo si trova una delle più grandi falde acquifere d’Europa, da dove pescano gli acquedotti di 21 Comuni delle province di Vicenza, Verona e Padova, e un imprecisato numero di pozzi privati.

La storia

Chi si batte per la giustizia e la salute

Patrizia Pallara

È qui che si consuma il caso di contaminazione industriale tra i più grandi d’Europa. “Per decenni queste sostanze sono state prodotte, usate e sversate nel terreno senza che si conoscessero quali effetti potevano provocare nell’uomo – prosegue il dottor Merler –. Sono state messe sul mercato e non si sapeva della loro tossicità. In pratica, sono state ‘testate’ sugli operai. E anche dopo il primo grave episodio di inquinamento delle acque potabili, nel 1976, all’accaduto non sono state prestate le dovute attenzioni. Le istituzioni non hanno provato a valutare e misurare, hanno lasciato mano libera”. Quel primo incidente che provocò la fuoriuscita di sottoprodotti di lavorazione, seccò piante e terreno, inquinò l’aria e l’acqua, tanto che alcuni comuni dovettero chiudere gli acquedotti e costruire nuove condotte per attingere altrove l’acqua potabile. L’azienda fu multata ma assolta dall’accusa di disastro ambientale e sanitario. Intanto continuò a produrre, a sversare direttamente in un torrente che scorre proprio davanti allo stabilimento, il Poscola, a interrare fanghi anche in maniera abusiva. E non molto cambiò quando nel 1988 la Marzotto cedette lo stabilimento alla Enichem del gruppo Eni che subito dopo attivò una collaborazione con la giapponese Mitsubishi (da cui il nome Miteni).

«Le risposte fornite dall’azienda sono state inadeguate»

Nel frattempo fin dagli anni Sessanta negli Stati Uniti si erano messi a studiare gli effetti di queste sostanze sui lavoratori e sugli animali: nel 1978 la DuPont, che aveva acquistato il brevetto dei Pfoa dalla 3M, scoprì la presenza del composto nel sangue dei suoi dipendenti. “Ma di queste scoperte in Italia non arrivano notizie – racconta Enzo Merler –. La Miteni scimmiottava attività che sono diventate poi obbligatorie, come stabilire i livelli di concentrazione dei composti negli ambienti di lavoro e di assorbimento di queste sostanze nei dipendenti, e se i dipendenti sviluppavano dei danni. Le risposte che l’azienda nel tempo ha fornito sono state inadeguate. Per esempio, non è mai stata fatta una denuncia di malattia professionale dovuta ai Pfas. Eppure dagli esami ematologici fatti dal medico di fabbrica risultavano effetti importanti, come una modifica dei livelli dei trigliceridi e di alcuni enzimi epatici che indicavano una potenziale azione sul fegato”. E quando a partire dal 2000 il programma di sorveglianza aziendale ha previsto di misurare la concentrazione di Pfas e Pfoa nel sangue dei dipendenti si è scoperto che i lavoratori avevano livelli elevatissimi, fino a 22 mila volte più alti del normale: in media 20mila nanogrammi per litro di sangue, con picchi di 90mila, contro i 4 nanogrammi presenti di solito nel corpo di una persona.
 

Lo studio sugli operai

Lo studio pubblicato nel 2019 da Merler e dal dottor Paolo Girardi sulle cause di morte degli ex operai Miteni ha riscontrato un raddoppio di cancro al fegato e di tumori linfatici ed emopoietici, un aumento della mortalità per diabete, cirrosi epatica, ipertensione e suicidi. Oggi sulla nocività di Pfoa e Pfas non ci sono dubbi. Dal 2009 il loro uso è sottoposto a restrizioni da un trattato internazionale. Una direttiva europea li classifica come sostanze altamente persistenti, con elevata tendenza al bioaccumulo e molto tossiche. In pratica gli organismi viventi non sono capaci di smaltirli, metabolizzarli e trasformarli e quindi li accumulano: nell’uomo in una serie di organi, come fegato, cervello, rene. Essendo innaturali, i loro potenziali effetti sono moltissimi. Sono assimilabili a interferenti endocrini e possono entrare nel processo che protegge dal diabete.

La testimonianza

Pasqualino, morto di lavoro

Patrizia Pallara

Possibile causa di cancro

Un ampio studio scientifico condotto negli Stati Uniti, che ha coinvolto 70 mila persone a seguito del processo che ha condannato la DuPont per lo sversamento decennale di Pfoa nel fiume Ohio, ha documentato un probabile legame con malattie tiroidee, ipertensione in gravidanza, ipercolesterolemia. Dal 2016 l’Airc, Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, li classifica come possibile causa di cancro al testicolo e al rene. Lo stesso che ha stroncato in un paio di anni Pasquale Zenere, operaio Miteni dal 1976 al 1992, addetto al reparto ecologia. “Il suo lavoro era maneggiare i rifiuti di produzione, metterli nei fusti per destinarli allo smaltimento, indossando dei semplici guanti – racconta la figlia Stefania –. Una o due volte all’anno gli facevano esami del sangue e visite mediche per stabilire se c’erano problemi, ma erano visite tipo quella della patente, in cui ti chiedono: ha avuto qualcosa? Ma quando siamo andati a vedere le analisi, abbiamo scoperto che alcuni valori, come quelli dei Pfas ma non solo, erano altissimi da anni”.

La sede Cgil di Valdagno

Rendita ai superstiti

Per il caso di Pasquale il patronato Inca si è attivato per il riconoscimento della rendita ai superstiti, cioè la richiesta all’Inail da parte del coniuge per la probabile causa professionale del decesso. “L’Inail ha respinto le domande che abbiamo presentato, cioè non ha riconosciuto il diritto alla rendita” precisa Anna Bilanto. Ma la battaglia del sindacato non si ferma. Con i medici legali sta elaborando i casi, acquisendo altre informazioni sanitarie, già presentato due ricorsi. “Non è stato facile ricostruire il nesso tra esposizione e lavoro – dice Silvino Candeloro, del collegio di presidenza dell’Inca Cgil nazionale –. In questo senso è stato importante aver sottolineato, anche in base alle poche evidenze scientifiche, una probabile relazione tra Pfas e Pfoa e specifiche patologie come tumori ai reni e ai testicoli. Il nostro impegno continua per assicurare a tutti i lavoratori esposti il giusto risarcimento”. Ora i superstiti sono in attesa dei responsi, ed è difficile prevedere come andrà. “E dice che mio padre era un grande lavoratore, a lui piaceva lavorare – ricorda Stefania –. Mai avrebbe pensato che proprio il lavoro lo avrebbe portato alla morte”. 

-> SEGUE (vai al secondo capitolo "Acque contaminate")