Colletiva logo CGIL logo
Colletiva logo CGIL logo

Piemonte

Il quadro

Priorità, creare lavoro

Maria Antonia Fama e Giustina Iannelli

La situazione nei diversi settori, da quello metalmeccanico, al tessile, al commercio. Per Enrica Valfrè, segretaria generale della Cgil di Torino, "l'anno che abbiamo lasciato è un anno terribile, con tanti lutti e strascichi psicologici, sociali ed economici. Forse la speranza non è una categoria così sindacale, lo diventa se insieme ci mettiamo i valori nei quali crediamo, la nostra capacità di stare vicino alle persone, la nostra voglia di capire che cosa succede e di progettare un futuro nuovo per il nostro territorio"

Il video

Piemonte, un'idea di futuro

Maria Antonia Fama e Giustina Iannelli

"Alleanze di scopo con gli altri grandi attori e soggetti della società, dalle associazioni imprenditoriali alle università, al fine di tracciare una linea di prospettiva per la nostra regione e discuterla con le istituzioni". Così Pier Massimo Pozzi, segretario generale della Cgil piemontese, inizia il racconto di quello che è stato un anno difficilissimo, il 2020, e di come agire per riscattare il territorio. "Sotto la lente di ingrandimento, la sanità e la grande carenza di medicina territoriale: ci vogliono investimenti e adesso le risorse ci sono. Uno degli obiettivi è creare occupazione e lavoro di qualità, sfruttando la nostra tradizionale vocazione manifatturiera. In tutti i settori, dall'automotive al biomedicale, al tessile. Non possiamo perdere questa occasione"

6 dicembre 2007

La strage degli operai

Ilaria Romeo

È da poco passata l'una di notte alla linea 5 dell'acciaieria Thyssen di Torino, quando sette operai vengono travolti da un getto di olio bollente. Moriranno tutti. Alcuni nel giro di poche ore, altri in una lenta agonia. Questa è la loro storia. Una storia fatta di estintori scarichi, idranti che non funzionavano, telefoni isolati, turni di lavoro massacranti. È la storia una fabbrica abbandonata e di una lunga lotta per ottenere giustizia